fbpx

SALE: COME CALCOLARE LA QUANTITÀ GIUSTA?

Siamo abituati a vederlo tutti i giorni ma, come quasi tutte le sostanze, il sodio ha degli effetti sul nostro corpo.

Innanzitutto il sale aumenta la pressione arteriosa e, quindi, favorisce l’insorgenza di gravi malattie cardiache e cerebrali dovute all’ipertensione. In più, non si esclude un collegamento tra l’utilizzo del sale e diversi tumori dell’apparato digerente, all’osteoporosi e alle disfunzioni renali

Per questo l’Organizzazione Mondiale della Sanità ha fissato a 5 grammi e mezzo (ovvero 2 grammi di sodio) la soglia massima per l’assunzione giornaliera di sale. Ma come si fa a calcolare la quantità giusta di una sostanza così impalpabile e leggera?

Primo passo: capire da dove il sale arriva. Il 64 per cento viene da prodotti alimentari già pronti (prodotti da forno, verdure e alimenti in scatola, salumi e formaggi). Il 36 per cento dall’uso domestico, a tavola e in cucina.

3 le regole d’oro:

1) controllare le etichette dei prodotti alimentari

2) lavare verdure e alimenti in scatola

3) sostituire progressivamente il sale con altri ingredienti come limone, aglio, erbe. Il palato si abitua.

E questo è importante, soprattutto per i bambini che si abituano a mangiare  con poco sale.

Qui l’articolo del Ministero della Salute, qui un approfondimento.

Related Post

Chat WhatsApp
Bisogno di aiuto?
Ciao!
Come possiamo esserti utile?